Buone Vacanze da Unitalsi Napoli

chiuso per ferie 1

Diventa Volontario Unitalsi

La storia dell’Unitalsi ha un legame particolare con il Santuario Mariano di Lourdes che, ancora dopo più di cento anni dalla fondazione dell’Associazione, è la meta privilegiata dei propri pellegrinaggi. Era il 1903 quando il fondatore, Giovanni Battista Tomassi, figlio dell’amministratore dei Principi Barberini, partecipò al suo primo pellegrinaggio.

Era un ragazzo poco più che ventenne, affetto da una grave forma di artrite deformante irreversibile che lo costringeva in carrozzella da quasi dieci anni; molto sofferente nel corpo e nello spirito per la sua ribellione a Dio e alla Chiesa. Avendo saputo dell’organizzazione di un pellegrinaggio a Lourdes, Tomassi chiese di parteciparvi con una precisa intenzione: giungere dinanzi la Grotta di Massabielle e, qualora non avesse ottenuto la guarigione, togliersi la vita con un gesto clamoroso.

Ma ciò, fortunatamente, non accadde. Davanti alla Grotta dove l’Immacolata era apparsa a Santa Bernadette, venne colpito dalla presenza dei volontari e dal loro amorevole servizio vedendo quanto la condivisione dei volontari regalava conforto, speranza e serenità ai sofferenti.

Oggi l’UNITALSI è un’Associazione Ecclesiale che opera a fianco dei malati, delle persone diversamente abili e delle loro famiglie, offrendo aiuto materiale e supporto morale. Conta circa 100.000 aderenti, uomini, donne, bambini, sani, ammalati, disabili, persone che senza distinzione di età, cultura, posizione economica, sociale e professionale, indossano una “divisa”. La divisa, annulla distanze, differenze e diversità rende tutti uguali: la gioia della condivisione del servizio reciproco.

“L’Unitalsi non propone un turismo religioso mordi e fuggi, bensì ama offrire a tutti, e specialmente a coloro che vivono in difficoltà perché malati, anziani o disabili, il pellegrinaggio verso i luoghi più significativi della storia cristiana, perché cresca la speranza e si possa scegliere ogni giorno di condividere un cammino associativo di solidarietà e di amicizia.

Il pellegrinaggio è una esperienza singolare vissuta nella pluralità, è l’incontro del singolo con l’altro, è l’incontro degli altri con Dio, è l’incontro di Dio con ogni pellegrino.

Il pellegrinaggio è un percorso di ricerca di significato, una esperienza che coinvolge il corpo e lo spirito.

Perché il pellegrinaggio è l’occasione per osservare l’esperienza della vita da una dimensione nuova, dove a ciascuno non è più concessa l’illusione di far finta di nulla, di continuare come se nulla fosse accaduto.

Ecco perché il pellegrinaggio non termina con il ritorno a casa, ma allarga la prospettiva della vita verso orizzonti nuovi, per scoprirsi pellegrini del mondo, in cammino con la Chiesa.” (Salvatore Pagliuca – Presidente Nazionale Unitalsi – www.unitalsi.it)

Contatta la nostra sede di Via Costantinopoli 122, dalle 9.00 alle 13.00 dal Lunedì al Venerdì, allo 081.45.17.28 e riceverai tutte le informazioni utili a diventare uno di noi.

‘a Maronna c’accumpagna! Luglio/Agosto

Scarica il nuovo numero

Scarica il nuovo numero

‘a Maronna c’accumpagna! Vi da appuntamento al 21 settembre

Capri: Un tuffo nell’isola azzurra

Guarda le immagini della giornata

Guarda le immagini della giornata

Madonna del Carmine

madonna del Carmine

La Basilica Santuario del Carmine Maggiore di Napoli darà luogo a solenni festeggiamenti in onore della Madonna del Carmine, a cui la religiosità del popolo napoletano è particolarmente legata.

Siamo tutti invitati alla celebrazione della Liturgia della Parola con la consegna del Santo Scapolare della Madonna del Carmine il giorno 14 luglio alle ore 19.00

Testimonieremo così, ancora una volta, la fede nella Beata Vergine Maria del Monte Carmelo, che amiamo celebrare solennemente in segno di gratitudine per tutti i favori che la Madre Celeste ha profuso lungo i secoli sui suoi figli devoti.